Skip to content

Cagnolina smarrita, una storia a lieto fine

Cagnolina si perde dopo un temporale, vagava vicino alla strada in costante pericolo, salvata grazie al buon cuore di alcuni automobilisti

Le Storie belle aprono il cuore e amplificano il sentimento. Nei giorni scorsi, in redazione, abbiamo ricevuto il racconto di un nostro collaboratore, testimone in prima persona di un evento a lieto fine. Meridiana Cooperativa Sociale, da sempre impegnata sul fronte della cura e benessere dei nostri amici a quattro zampe con la gestione diretta di alcuni canili, ha ricevuto e pubblica il seguente racconto.

Oggi ho assistito e partecipato in prima persona ad un evento di alto senso civico che mi ha stupito e rallegrato. Scendendo verso Piediripa c’era un cagnolino tutto sporco e spaesato che vagava sulla strada nel tratto in discesa dopo l’università.

Mi sono fermato cercando di prenderlo ma non si faceva avvicinare, facendo su e giù dall’università fino al rettilineo che dà alla prima rotonda verso Piediripa. Le macchine sfrecciavano ed il cagnolino era in serio pericolo. Ha iniziato a fermarsi tanta gente, parcheggiando sul lato della strada, ma il cagnolino non si faceva prendere.

Poi un gruppo di persone si è fermata all’altezza del primo curvone ed un altro gruppo più in giù, in maniera da rallentare le macchine ed al tempo stesso stringendo il percorso del cagnolino. Io ero fermo a metà, vedendolo venire verso la mia direzione con una coperta che avevo in auto sono saltato sul greppo ai lati della strada e sono riuscito a prenderlo tenendolo fermo.

Era molto spaventato e tremante. Poi l’abbiamo caricato sul portavani dell’auto di un altro ragazzo per metterlo al sicuro. Subito dopo è arrivato il servizio Asl che ha identificato il cip. Era di una signora di Corridonia a cui il cagnolino era scappato 10 giorni fa nel corso di un temporale e che aveva fatto denuncia di scomparsa.

Il cagnolino riportato dalla proprietaria era molto felice e si è fiondato dentro casa sua. Ringrazio tutta la gente che si è fermata e ha dato una mano, tutto ciò, rappresenta un episodio di altissimo senso umano e civico. Sono andato a vedere il cagnolino che poi era una lei, ecco la foto rientrata e beata nella sua casa.”

Andrea Graziani

Torna su