Skip to content

Acqua per la pace. La Giornata mondiale dell’acqua

Acqua per la pace. La Giornata mondiale dell'acqua

Acqua per la pace è il tema della Giornata mondiale dell’acqua 2024, una risorsa che può favorire la pace ma anche innescare conflitti

Il tema della Giornata mondiale dell’acqua per l’anno 2024 è “Acqua per la pace“. Un tema che pone l’accento su come, questa fondamentale risorsa, possa essere fonte di concordia o di ostilità.

L’acqua inquinata, poco disponibile o addirittura inaccessibile, può portare a grosse tensioni tra i popoli.

Quasi un terzo della popolazione mondiale, vive in dipendenza della disponibilità di acqua che attraversa i confini del proprio paese.

Al mondo, sono solo 24 i paesi che hanno stabilito accordi di cooperazione per avere tutta l’acqua disponibile condivisa.

Complici gli effetti dei cambiamenti climatici e il numero in crescita delle popolazioni, non c’è più tempo da perdere.

I paesi hanno quindi un’impellente necessità, quella di creare un fronte comune per la tutela della risorsa più preziosa, l’acqua.

Da una buona ed equa gestione dell’acqua discendono tutta una serie di vantaggi che interessano:

  • Salute pubblica;
  • Fonti energetiche;
  • Economia;
  • Prosperità;
  • Alimentazione;
  • Integrità ambientale.

Acqua per la Pace, effetto a catena

Partendo dal tema per il 2024 “Acqua per la pace”, l’intento dovrebbe essere quello di creare un effetto a catena.

I popoli, partecipando alla buona gestione dell’acqua instaurano un positivo effetto a catena che genera:

  • Maggiore armonia;
  • Più prosperità condivisa;
  • Resilienza verso nuove sfide.

Si parte dall’assunto che l’acqua, oltre ad essere una preziosa risorsa da utilizzare è anche un diritto umano appartenente ad ogni vita.

Ecco perché, non solo durante la Giornata mondiale dell’acqua, si deve essere uniti intorno a questa risorsa e usarla per promuovere la pace.

Meridiana Cooperativa Sociale, nella sua vocazione Green, promuove la Giornata mondiale dell’acqua incoraggiando la condivisione e l’uso consapevole della risorsa.

Torna su